1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer>

Ultime news

Le riflessioni di Franco Polimeni 2010

Ultimo aggiornamento Giovedì 23 Dicembre 2010 14:26

Scritto da Pino Naim

22 Dicembre 2010

Dott_Francesco_Polimeni_Consigliere    LE RIFLESSIONI DI FRANCO POLIMENI…

 

Quella di lunedì post finale è stata per me e, credo, per molti di noi, una giornata lavorativa massacrante, durante la quale non ho avuto il tempo di pensare a quanto successo a Napoli ma, la sera, l'amarezza e la delusione  per il risultato di un torneo disputato da noi più che egregiamente anzi, direi, con superiorità, hanno ripreso a vagare nella mia mente e mi hanno portato delle riflessioni che voglio condividere con chi la pensa come me.

Appartengo (uso questo verbo non a caso...) a questo gruppo dal 1992, quando, con altri due colleghi, sono stato "provinato" e subito inserito tra le fila di questa  squadra ma, nonostante il mio entusiasmo, sono stato costretto a fermarmi per due mesi, essendomi lussato la clavicola, ed a rinunciare al mondiale vinto dalla nostra squadra. Ho partecipato, qualche anno dopo, ad un altro mondiale a Jesolo, durante il quale ho fatto prevalentemente panchina, ingoiando amaro perché, ancora giovane, mi sentivo più in forma di qualche altro collega, ma in silenzio, felice comunque di far parte di una squadra e nel più profondo rispetto dei miei compagni e dell'allenatore. Ho continuato, tra alti e bassi, a giocare con la mia squadra perchè appassionato del gioco in sè ma sopratutto perchè  l'appartenere alla squadra mi dava un senso di completezza che tuttora non riesco a spiegare.

Sentivo e sento ancora oggi LA SQUADRA un organismo vivente che riesce a modulare ed a accentuare, alternativamente  e continuamente, le caratteristiche dei suoi componenti organici, i giocatori; ho assistito, nella mia lunga appartenenza, a tutte le variazioni che i rapporti interpersonali ti si possono porre davanti nel corso di una vita perchè, all'interno di un gruppo, i protagonisti mostrano, nella comunanza dello sport, sia la parte migliore sia quella peggiore di sè stessi, nessuna delle due opinabile perchè  entrambe parte della realtà più profonda dell'essere umano che all'interno della squadra, non più bloccato dalle pastoie sociali o professionali, è libero di esprimere sè stesso. In questo organismo sono confluiti tanti colleghi  dei quali, con affetto, anche di quelli che non sono più con noi, si ricordano aneddoti o prodezze che mi e ci fanno capire quanto sia importante la memoria storica di questa gloriosa squadra.

Probabilmente sarò un poco retorico e romantico ma io mi sento legato a tutti i componenti della squadra sia attuali che passati, anche a quelli che non ho conosciuto che, però, sento vicini perché parte comunque dello stesso gruppo. A pensarci bene è strano che io mi senta legato ad un Peppe, un Arturo o un Ciccio.., tanto per fare dei nomi,  persone con cui ci si vede solo in occasione della partita o del campionato e poi ognuno ritorna alla propria vita ed alle proprie amicizie, ma io sono veramente legato ad Arturo, Peppe … come a tutti gli altri, anche se è naturale che fra qualcuno di noi il legame possa essere diventato più profondo per la comunanza di interessi o affinità o altro. E’ chiaro che esiste comunque un legame fra tutti noi che ci fa condividere rispetto e lealtà, amicizia e voglia di “sfottersi”. Di fronte, però, alle reazioni inconsulte dovute ad una sostituzione, oltretutto già verificatesi in altre occasioni, mi chiedo quale forma di rispetto e di lealtà noi anziani siamo riusciti ad inculcare nei "giovani" e come sia possibile che io, alla mia età, probabilmente migliore, calcisticamente parlando, di qualcun'altro, rimanga in panchina a tifare e incoraggiare, fino a perdere la voce, chi sta giocando, e debba assistere a certi atteggiamenti irrispettosi ed infantili nei confronti del mister e degli altri compagni che fanno parte della squadra.

Sono grato, come credo lo siano tutti quanti, a Pino Naim per l’impegno, la dedizione e la passione con cui si è dedicato in questi lunghi anni alla squadra che, sicuramente, vive grazie a lui ma mi auguro che questa bella realtà possa continuare ad esistere e mietere successi anche a prescindere dal suo impegno perché tutti insieme, giovani ed anziani, saremo riusciti a sentirci GRUPPO. Grazie.
 

                                                                                                                           Franco Polimeni

 

Mi fà molto piacere pubblicare sul sito queste righe di Franco Polimeni che ringrazio per quanto ha scritto ma, soprattutto, per avere voluto esprimere a cuore aperto le sue riflessioni. Spero che altri, dopo Franco, vogliano prendere l'iniziativa ed approfittare di questa tribuna per esprimere le loro idee, le loro impressioni o anche semplicemente qualche sensazione. Ogni esternazione è gradita e, soprattutto, può servire a realizzare una coscienza di gruppo al servizio del nostro meraviglioso club. Grazie.

                                                                                                                              Pino Naim

 

Sponsor Ufficiale

Logo_Mangiatorella

Organigramma

Fondatori

Dott. Giuseppe Naim
Dott. Domenico Saladino

Dott. Domenico Saladino (Fondatore)


Presidente Onorario

Dott. Rosario Cassone (Presidente Onorario)

Dott. Rosario Cassone

Presidente

Dott_Giuseppe_Naim_Presidente3

Dott. Giuseppe Naim

Segretario

Dott_Francesco_Battaglia_Segretario

Dott. Francesco Battaglia

Tesoriere

Dott_Francesco_Polimeni_Consigliere

Dott. Francesco Polimeni

Consiglieri

Dott_Antonio_Carbone_Consigliere

Dott. Antonio Carbone

Dott_Giuseppe_Ielo_Consigliere

Dott. Giuseppe Ielo

Referente giovani

Dott_Rosario_Cassone_Rappr_giovani_

Dott. Rosario Cassone

 

Allenatore

Antonio_Musumeci_Allenatore

Sig. Antonio Musumeci

 

 


Logo-campionati-internazion

Campione
del Mondo

Jesolo (VE) 1992

Campione d'Europa

Salerno 1995



campionati-italia

Campione d'Italia

Pistoia 1999
Copanello (CZ) 2000
Licata (AG) 2009
Ragusa 2012
S. Teresa Gallura (SS) 2018



Logo-Coppa-Italia

Coppa Italia

Lugano 2007
Cosenza 2009
Paola (CS) 2014 



Parkinson-cup

Parkinson Cup

Verbania 2006
Reggio Calabria 2007
Reggio Calabria 2008